Rendere Visibile L’Invisibile

Concorso Fotografico

home-vii

Non si vede bene che col cuore.
L’essenziale è invisibile agli occhi.

– Il Piccolo Principe –
Antoine de Saint-Exupéry

Edizioni

image_ed_vii_stop-invio

VII Edizione

Nessun regista cinematografico sarebbe capace
di comunicare l’inatteso che si incontra per le strade.
– Robert Doisneau

La street photography è un genere fotografico che vuole riprendere i soggetti in situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici. Molti fra i più famosi fotografi di strada hanno raccontato la nostra società del XX-simo secolo scattando immagini che avevano come sfondo marciapiedi, piazze, bar e metropolitane.
Per fare una buona ‘fotografia di strada’ non è necessario viaggiare o avere attrezzature particolari, ci vuole colpo d’occhio, pazienza, abilità nel cogliere l’attimo e a volte anche un po’ di fortuna.

–  scopri

home-bg-06

VI Edizione

Ogni cosa che puoi immaginare,
la natura l’ha già creata.
– Albert Einstein

Chi ama la natura sa quanto essa può essere sorprendente sia nell’immensità che nell’infinitamente piccolo. La natura è ciclica ma non è mai uguale a sé stessa.
Spesso i nostri occhi si posano su qualcosa di unico e irripetibile che solo con una fotografia potremmo avere il privilegio di “catturare”.

–  scopri

v

V Edizione

Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse […] E’ proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva.
– Film – L’attimo Fuggente

Il bello della fotografia è proprio quello di riuscire a rendere unico qualcosa di ordinario semplicemente valorizzandolo con l’inquadratura e con la tecnica.
Ogni cosa, per quanto nota, offre a chi la osserva l’occasione di essere riscoperta, guardando con occhi nuovi, oltre i luoghi comuni, cercando un altro punto di vista.

–  scopri

iv

IV Edizione

Tu prova ad avere un mondo nel cuore e non riesci ad esprimerlo con le parole.
– Fabrizio De Andrè

Una fotografia racconta senza parole il mondo che il fotografo ha nel cuore al momento dello scatto, e se incontra occhi sensibili può trasferire questo universo di sensazioni dal cuore del fotografo al cuore dell’osservratore.

–  scopri

iii

III Edizione

Non lascio che neanche un singolo fantasma
del ricordo svanisca con le nuvole
– Kahil Gibran

Quante volte guardando attraverso una fotografia ci ritroviamo immersi in un ricordo? Un ricordo non occupa spazio, ma può occupare un’enorme quantità di tempo.
Le fotografie non vanno semplicemente guardate ma attraversate, poiché ogni fotografia è come una porta che si affaccia su un mondo parallelo, il mondo dei ricordi.

–  scopri

ii

II Edizione

Quando l’ultimo albero sarà abbattuto,
l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce pescato,
ci accorgeremo che non si può mangiare il denaro
– Indiani d’America

Siamo solo passeggeri, testimoni dell’ infinita bellezza della natura, ma purtroppo troppo spesso anche del suo degrado. Fissare a vostra scelta, con estro e originalità, uno di questi due contrastanti aspetti.

–  scopri

i

I Edizione

Non si vede bene che col cuore,
l’essenziale è invisibile agli occhi
– Piccolo Principe

Primo: vedere. Secondo: fermare. “Porre sulla stessa linea di mira la testa, gli occhi e il cuore” dice Cartier-Bresson. L’essenziale è vedere. Vedere quello che altri nello stesso attimo non vedono. O non vedono così.

–  scopri

concorso

Rendere Visibile L’Invisibile. Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.

Il Concorso è nato nel 2012 in memoria del nostro caro Marco profondamente innamorato della vita, della natura, della bellezza e della fotografia, strappato all’amore dei suoi cari in un tragico incidente a Santo Stefano d’Aveto il 30 gennaio 2011.
Continuiamo a ricordarlo omaggiando questa sua grande passione, che altro non è che l’arte di catturare e conservare, a dispetto del tempo, brevissimi spaccati di vita, regalandogli all’eternità.

–  leggi

concorso
marco-corvisiero

marco corvisiero

30 secondi.

Se è vero che soltanto un cuore innamorato è attento ai dettagli, scorgendo ogni singola foto scopriamo il volto più prezioso di Marco: quello di un giovane profondamente innamorato della vita, capace di cogliere nelle varie giornate della sua esistenza i “segni” di una bellezza che lo raggiungeva e della quale si sentiva fortemente grato.

La “tua” Quinta C, anno scolastico 1999/2000
Liceo Scientifico “Nicoloso Da Recco”

–  leggi